The New Rome Declaration on Health and Climate Change Creates implication for Italian Government Policy

Spotlight Activity: The New Rome Declaration on Health and Climate Change Creates implication for Italian Government Policy

In December 2018 the Italian Istituto Superiore della Sanità hosted the first Scientific Symposium on Health and Climate Change. More than 500 scientists from 30 countries debated about climate change’s effects on health and produced the International Charter on Health and Climate Change.

Pollution, high temperature and extreme natural events foster the diffusion of diseases; make food, water and energy scarce; increase the amount of illness and the mortality rate of children, because they are more exposed to climate change than adults. The International Charter aims at being a guideline for policy makers to fight against climate change. The document identifies a set of key actions that need to be taken in order to protect our future.

Because of its geographic features, post-industrial pollution, seismic and hydrogeological vulnerability, Italy is a real laboratory on climate change’s impact on health. It has the ability to demonstrate how policies to prevent and mitigate climate change are important. Two examples show the direct correlation between greenhouse gas emissions and health problems in Italy: the case of ILVA steel plant in Taranto, and the carbon power station “Federico II” in Brindisi.

Until 2015 the ILVA in Taranto was the plant with highest greenhouse gasses emission in Italy; the Environmental Ministry (according to the Kyoto agreement) assigned to the Taranto ILVA a share of CO2 emissions dozens of times higher than other production plants. Now the level of production, and consequently of emissions, is 75percent lower than 2015, but the number of child tumors caused by ILVA’s emissions is still 30percent higher than in other cities of Puglia region, and the child mortality rate, due to tumors is 54percent more than in other cities. The carbon power station “Federico II” in Brindisi is another example; it represents the icon of the WWF fight against carbon in Italy. The Federico II power station is the largest carbon station in Italy, with a high level of CO2 emissions, which exceeded the 14 million of tons/year in the past. According to CNR researchers, every year in Brindisi 44 people die because of pollution derived from the carbon power station.

Even though the ILVA’s production has been reduced since 2015, the discussion about emissions is ongoing and it seems there is still a long way to go to reach an agreement that satisfies environmentalists and Taranto inhabitants.

However, fortunately with the approval of the National Energy Strategy (SEN – Strategia energetica nazionale) in 2017, Italy committed to shut down all carbon power stations by 2025. Moreover, the share of renewable energy is increasing year by year and sustained by economic incentives.

According to WHO every year over 250,000 people die because of climate change”, declares Mr. Ricciardi, the President of the Istituto Superiore della Sanità. Climate change is the main global threat of the current century that affects humans and their environment. Pollution and climate change put our survival at risk. Managing energy transformation and changing direction is our challenge. We can win the challenge all together, politicians, industrialists, and common people with education and daily actions.

The next Symposium on Health and Climate Change will be in Boston, in September 2019. We hope that this initiative will produce tangible results as soon as possible.

Status: Right Direction

With the National Energy Strategy Italy seems to be on the right path to demonstrate how reduction emissions can have a positive impact on people’s heath. Now increased actions are needed such as the dismantling of carbon power stations and the reduction of emissions in large steel plants close to the cities. Italy has now the opportunity to make the difference and to become a model for other countries.

Take Action

Please send the following message to the Government of Italy’s Department of European Union Relations

The Rome Declaration on Health and Climate Change is a great starting point, but now it is time for the Italian government to implement policies and programs that support the Rome Declaration and encourage environmental-friendly behavior by businesses and people. For example, imposing severe restrictions to ILVA’s emissions, strengthening controls on the emissions of all factories, and imposing high penalties to those who do not respect limits

CONTACT:
Dott. Francesco La Camera, Director General of the Sustainable Development, Environmental Damage, and European Union Relations (SVI)
Email: SVI-UDG@minambiente.it
Fabiola Giuliano, secretary of the President of Istituto superiore della sanità?Email: fabiola.giuliano@iss.it
Learn More:

Rome declaration (English): https://ufficiostampa.iss.it/?p=1493
Symposium fats (Italian): https://ufficiostampa.iss.it/?p=1485
Data on natural disasters: https://emdat.be/
The case of ILVA: http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Ilva-aumentano-le-morti-a-Taranto-dottoressa-spiega-Fare-la-pediatra-qui-significa-essere-impotenti-3a659bf9-127b-400b-b17b-c1c61143501d.html
http://www.inchiostroverde.it/2016/03/14/gas-serra-nel-2015-assegnate-allindustria-di-taranto-emissioni-200-volte-superiori-a-quella-di-genova/
http://www.minambiente.it/pagina/assegnazione-titolo-gratuito-il-periodo-2013-2020-agli-impianti-esistenti

The case of Carbon power station: Gianicolo, E. A. L., Bruni, A., Mangia, C., Cervino, M., & Vigotti, M. A. (2013). Acute effects of urban and industrial pollution in a government-designated “Environmental risk area”: the case of Brindisi, Italy. International journal of environmental health research, 23(5), 446-460). http://www.le.isac.cnr.it/personale.php?id=88

La Dichiarazione di Roma su salute e cambiamenti climatici e le sue implicazioni per la politica del Governo

A dicembre 2018 l’Istituto Superiore della Sanità ha ospitato il primo Simposio su salute e cambiamenti climatici. Un grande incontro internazionale nel quale più di 500 scienziati, provenienti da 30 diversi paesi, hanno fatto discusso degli effetti che i cambiamenti climatici hanno sulla salute. Obiettivo dei lavori era quello di produrre la Carta Internazionale su Salute e Cambiamenti Climatici.

Inquinamento, temperature elevate ed eventi estremi favoriscono la diffusione di malattie, fanno scarseggiare cibo, acqua e risorse energetiche, aumentano il numero di malattie in circolazione, e alzano il tasso di mortalità infantile. La Carta Internazionale sarà una guida per i politici nella lotta ai cambiamenti climatici, e identifica una serie di azioni chiave da svolgere per proteggere il nostro futuro.

Per le sue caratteristiche geografiche, l’inquinamento industriale, e la vulnerabilità sismica e idro-geologica, l’Italia rappresenta un vero e proprio laboratorio per valutare l’impatto dei cambiamenti climatici sulla salute. Qui è possibile dimostrare quanto sono importanti le politiche di prevenzione e mitigazione. In Italia ci sono due esempi emblematici, che mostrano la diretta correlazione tra emissioni di gas serra e problemi di salute: l’impianto siderurgico dell’ILVA di Taranto, e la Centrale elettrica a carbone “Federico II” di Brindisi.

Fino al 2015 l’ILVA di Taranto era lo stabilimento produttivo con il più alto livello di emissioni in Italia; le quote di CO2 assegnateli dal Ministero dell’Ambiente, secondo il protocollo di Kioto, erano decine di volte superiori a quelle assegnate ad altri stabilimenti. Ad oggi l’attività produttiva si è ridotta del 75percent, e di conseguenza anche le emissioni sono più basse rispetto al 2015, tuttavia, l’incidenza dei tumori, direttamente imputabili alle emissioni inquinanti dello stabilimento, è circa del 30percent superiore rispetto ad altre città pugliesi, ed il tasso di mortalità infantile a causa dei tumori è del 54percent più elevato delle altre città pugliesi. La centrale elettrica a carbone “Federico II” di Brindisi è un altro importante esempio, non a caso è l’emblema della lotta al carbone portata avanti dal WWF in Italia. La centrale di Brindisi è la centrale a carbone più grande d’Italia, con livelli di emissioni di CO2 altissimi, che in passato hanno superato anche i 14 milioni di tonnellate annui. Alcuni ricercatori del CNR hanno condotto una ricerca sull’impatto della centrale e hanno dimostrato che l’inquinamento da essa derivante causa circa 44 morti l’anno, nell’area di Brindisi.

Sebbene la produzione e le emissioni dell’ILVA siano ridotte rispetto al 2015, la discussione sul suo destino è ancora molto accesa e finora non sono state proposte soluzioni soddisfacenti per i cittadini e gli ambientalisti. Tuttavia, fortunatamente, con l’approvazione della Strategia Energetica Nazionale (SEN) nel 2017, l’Italia si è impegnata a chiudere tutte le centrali a carbone presenti sul territorio italiano, entro il 2025. Inoltre, la quota di energie rinnovabili è in continuo aumento, anche grazie agli incentivi economici forniti dal Governo.

Walter Ricciardi, presidente dell’ ISS ricorda che secondo l’OMS ogni anno oltre 250’000 persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici, che sono la vera minaccia del secolo e attraversano tutta la condizione umana e ambientale. Gestire le trasformazioni e cambiare rotta sono la vera sfida. Si vince insieme, con la collaborazione dei decisori politici, del mondo industriale e con i nostri atti quotidiani.

Il prossimo simposio su salute e cambiamenti climatici si terrà a Boston, a settembre 2019, ci auguriamo che questa iniziativa inizia a produrre effetti tangibili al più presto.

*** Continuare così

Con l’approvazione della Strategia Energetica Nazionale l’Italia sembra essere sulla strada giusta per dimostrare l’impatto positivo sulla salute derivante dalla riduzione delle emissioni. È il momento delle azioni forti, come velocizzare la chiusura delle centrali a carbone e restrizioni forti sulle emissioni degli stabilimenti produttivi prossimi ai centri urbani. L’Italia ha l’opportunità di fare la differenza e diventare un modello per gli altri paesi.

Attivati

Invia il seguente messaggio al Direttore generale del Dipartimento per lo sviluppo sostenibile, danni ambientali, e relazioni con l’UE (SVI):

La Dichiarazione di Roma su salute e cambiamenti climatici è un ottimo punti di partenza, ma adesso il governo italiano deve implementare politiche che supportino la Dichiarazione di Roma e incoraggino un comportamento eco-sostenibile da parte delle persone e delle imprese. Ad esempio, imponendo forti restrizioni alle emissioni dell’ILVA, rafforzando i controlli sulle emissioni degli impianti produttivi, e imponendo elevate multe a coloro che non rispettano i limiti.

CONTATTI:

Dott. Francesco La Camera, Director General of the Sustainable Development, Environmental Damage, and European Union Relations (SVI)
Email: SVI-UDG@minambiente.it
Fabiola Giuliano, secretary of the President of Istituto superiore della sanità?Email: fabiola.giuliano@iss.it
Maggiori informazioni

Dichiarazione di Roma (inglese): https://ufficiostampa.iss.it/?p=1493
I principali fatti emersi dal Simposio: https://ufficiostampa.iss.it/?p=1485
Dati sui disastri naturali: https://emdat.be/
Notizie sul caso ILVA: http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Ilva-aumentano-le-morti-a-Taranto-dottoressa-spiega-Fare-la-pediatra-qui-significa-essere-impotenti-3a659bf9-127b-400b-b17b-c1c61143501d.html
http://www.inchiostroverde.it/2016/03/14/gas-serra-nel-2015-assegnate-allindustria-di-taranto-emissioni-200-volte-superiori-a-quella-di-genova/
http://www.minambiente.it/pagina/assegnazione-titolo-gratuito-il-periodo-2013-2020-agli-impianti-esistenti
Il caso della Centrale ENEL a carbone: Gianicolo, E. A. L., Bruni, A., Mangia, C., Cervino, M., & Vigotti, M. A. (2013). Acute effects of urban and industrial pollution in a government-designated “Environmental risk area”: the case of Brindisi, Italy. International journal of environmental health research, 23(5), 446-460). http://www.le.isac.cnr.it/personale.php?id=88

Leave a Reply

Your email address will not be published.

x
x

Climate change is real, and what governments do matters.

Help us work with key stakeholders globally to ensure continued support of the The Paris Agreement.